AREA RISERVATA CLIENTI
cedolinoServizi Telematici in Rete:
Lo Studio Negri e Associati con la collaborazione di Zucchetti è lieta di offrire un nuovo servizio che permetterà lo scambio on-line dei documenti paghe e fiscali, ogni cliente sarà informato e abilitato all'accesso

Per accedere all'area riservata clicca qui.
IN PRIMO PIANO
Chiusura degli Uffici Agosto
Si informa la Spettabile Clientela che l'uffico rimarrà chiuso dal 7 Agosto al 25 compreso.
Altalex, 12 Luglio 2017. Articolo di Daniela Tomaselli, Studio Negri e Associati
Circolare Monotematica: Prestazioni Occasionali in sostituzione dei “vecchi” voucher
Prestazioni Occasionali in sostituzione dei “vecchi” voucher
Circolare Monotematica: Rinnovo CCNL Metalmeccanici Industria
RINNOVO CCNL_METALMECCANICI INDUSTRIA
Circolare Informativa: Maggio 2017
Manovra Correttiva 2017
Circolare Monotematica: Comunicazione Polivalente 2017
Comunicazione polivalente ex spesometro
Altalex, 22 marzo 2017. Articolo di Daniela Tomaselli, Studio Negri e Associati
Circolare monotematica: Novità di Bilancio 2017
Novità fiscali: Bilancio 2017
Circolare Informativa: Febbraio 2017
Finanziaria 2017
Circolare monotematica: Certificazione unica 2017
Certificazione Unica 2017
Altalex, 14 dicembre 2016. Articolo di Daniela Tomaselli, Studio Negri e Associati
Profilo
Lo Studio Negri e Associati è una associazione tra professionisti di Commercialisti e Consulenti del Lavoro.

Fonde lo spirito innovatore di giovani talenti con la solidità e l'esperienza di professionisti che da oltre 50 anni affiancano con serietà lo sviluppo di aziende offrendo una completa consulenza nel campo delle materie contabili, societarie, fiscali, commerciali, amministrative e giuslavoritiche.

Lo Studio combinando le consolidate competenze dei soci coniuga esperienza, competenza, professionalità e dinamismo, nell'ottica di fornire una tipologia di consulenza sempre adeguata alle esigenze attuali, avendo cura del rapporto diretto e personalizzato con il cliente.
Clienti Paghe
cedolinoServizi Telematici in Rete:
Lo Studio Negri e Associati con la collaborazione di Zucchetti è lieta di offrire un innovativo servizio che permette lo scambio on-line di documenti paghe... Approfondisci
Orari dello STUDIO
Orari ufficio:

LUN. MAR. GIO. VEN.: 8.30-12.30 e 14.00-18.00
MER.: 8.30 - 12.30, pomeriggio chiuso
Via Balicco, 63 - 23900 Lecco - ITALIA Contattaci
NUOVI CODICI TRIBUTO DA UTILIZZARE DAL 01.01.2017

Con la risoluzione n.13/2016 l’Agenzia delle Entrate ha disposto, dal 1° gennaio 2017, la soppressione di alcuni codici tributo di frequente utilizzo da parte dei sostituti d’imposta.
In particolare:

-Per i datori di lavoro, sono stati soppressi i codici tributo 1004 (ritenute su redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, come ad esempio le collaborazioni coordinate e continuative), 1013 (ritenute su conguaglio effettuato nei primi due mesi dell’anno), che confluiranno entrambi nel codice tributo 1001 (previsto per i redditi di lavoro dipendente a tassazione ordinaria), nonché il codice tributo 3815 (addizionale regionale IRPEF importo minimo) che confluirà nel codice tributo 3802;

-Per i professionisti e, più in generale, i lavoratori autonomi ed agenti, è stato soppresso il codice tributo 1038 (ritenute sulle provvigioni degli agenti) che confluirà nel codice tributo 1040 (ritenute su redditi di lavoro autonomo e compensi per l’esercizio di arti e professioni).

Non potranno quindi essere presentati modelli F24 con i vecchi codici tributo già a partire dal 1° gennaio 2017, anche se relativi ad importi afferenti al mese di dicembre 2016, risultando essi soppressi; dovranno essere utilizzati, invece, i nuovi codici tributo.
Qualche dubbio rimane sul ravvedimento operoso da effettuare nel 2017 relativo al versamento di ritenute riguardanti il periodo d’imposta 2016. L’Agenzia delle Entrate non ha fornito informazioni specifiche in merito, ma si deve ritenere che, poiché i vecchi codici tributo (come ad esempio il 1004 e il 1038), saranno comunque soppressi dal 1° gennaio 2017 nessuno di essi potrà più essere utilizzato e, quindi, anche per il ravvedimento operoso dovrebbero utilizzarsi i nuovi codici tributo (nei casi sopra citati, rispettivamente il 1001 e il 1040), salvo diverse indicazioni dell’ultimo minuto da parte dell’Amministrazione finanziaria.